14 Tombe e templi tagliati nella roccia

L’architettura tagliata nella roccia è la pratica di creare una struttura ricavandola dalla solida roccia naturale.Ci sono molti esempi di lavori di questo tipo, spesso eseguiti su larga scala e che richiedono un lavoro intensivo.Le tombe e i templi tagliati nella roccia qui elencati sono tra gli edifici più belli e stupefacenti del mondo.

14. Tomba dei Re

Le tombe dei Re vicino a Paphos, nel sud-ovest di Cipro, sono una grande necropoli risalente al IV secolo a.C. Le tombe sono scavate nella solida roccia e decorate con colonne doriche.Nonostante il nome non ci sono prove di una reale sepoltura qui.Il sito era invece il luogo di riposo finale degli aristocratici tolemaici e degli alti funzionari.

13.Tombe licie

La Licia era una federazione di antiche città situate in quelle che oggi sono le province turche di Antalya e Muğla. Su alcune delle tombe scavate nella roccia l’esterno è decorato con rilievi che raffigurano le caratteristiche specifiche del defunto e gli eventi principali del periodo.L’ingresso è stato sigillato con una porta scorrevole in pietra che correva lateralmente lungo un solco.

12.Mada’in Saleh

Mada’in Saleh costituisce l’insediamento più meridionale e più grande del regno nabateo dopo Petra, la sua capitale. Hegra è stata costruita intorno a una zona residenziale e alla sua oasi nel I secolo d.C. Gli affioramenti di arenaria sono stati scavati per costruire la necropoli. In totale sono sopravvissute quattro aree di necropoli, con 131 tombe monumentali scavate nella roccia distribuite su 13,4 km (8,3 miglia).

11.Grotte di Mogao

Le Grotte di Mogao formano un sistema di 492 templi di 25 km (15). Le grotte contengono alcuni dei migliori esempi di arte buddista che coprono un periodo di circa 1.000 anni. La costruzione dei santuari buddisti è iniziata nel 366 d.C. come luoghi per conservare le scritture e l’arte. Insieme alle Grotte di Longmen e alle Grotte di Yungang, le Grotte di Mogao sono uno dei tre templi antichi più famosi della Cina.

10.Grotte di Longmen

Le Grotte di Longmen sono densamente disseminate lungo le montagne Xiangshan e Longmenshan nella parte centrale orientale della Cina.Da nord a sud, la distanza percorsa dalle grotte è di circa un chilometro.Nelle grotte ci sono oltre 2100 nicchie, più di 100.000 statue, circa 40 pagode e 3600 tavolette e stele.La costruzione delle grotte è iniziata nel 493 d.C. L’area di Longmen è aperta al pubblico, e anche se le grotte non possono essere visitate, la maggior parte delle opere d’arte sono visibili dall’esterno.

9.Grotte di Yungang

Le Grotte di Yungang sono antiche grotte di templi buddisti nella provincia cinese dello Shanxi.Le grotte sono state costruite principalmente nel periodo tra il 460-525 d.C. durante la dinastia Wei del Nord.Sono un esempio eccezionale delle incisioni cinesi in pietra del V e VI secolo. Nel complesso il sito è composto da 252 grotte con più di 51.000 statue e statuette di Buddha.

8.Chiese di Goreme

Dopo un’eruzione vulcanica di circa 2000 anni fa, la lava ha formato rocce morbide nella regione della Cappadocia, in Turchia.la roccia più morbida è stata erosa dal vento e dall’acqua, lasciando la roccia del cappello duro in cima ai pilastri, formando gli attuali camini delle fate. Gli abitanti di Göreme, nel cuore della regione della Cappadocia, si sono resi conto che queste rocce morbide potevano essere facilmente scavate per formare case, chiese e monasteri, e che questi santuari cristiani contengono molti esempi di affreschi bizantini e rappresentano un risultato artistico unico del periodo post-iconoclasta.

7.Chiese di Lalibela

Lalibela è una delle città più sante dell’Etiopia, seconda solo ad Aksum, ed è un centro di pellegrinaggio per gran parte del paese. La Chiesa di San Giorgio è la più conosciuta e l’ultima costruita delle undici chiese. Le dimensioni del complesso sono 25 metri per 25 metri per 30 metri per 30 metri (82x82x98 ft), e c’è una piccola piscina battesimale fuori dalla chiesa, che si trova in una trincea artificiale.

6.Grotte di Ajanta

Le Grotte di Ajanta nello stato indiano del Maharashtra, sono monumenti rupestri scavati nella roccia risalenti al II secolo a.C. Il complesso monastico di Ajanta è composto da diversi viharas (sale monastiche di residenza) e chaitya-grihas (sale monumentali di stupa) tagliati nella scarpata della montagna. Nel 480 d.C. le grotte di Ajanta furono abbandonate. Durante i successivi 1300 anni la giungla ricrebbe e le grotte rimasero nascoste, non visitate e indisturbate fino al 1819 quando i templi scavati nella roccia furono riscoperti da un ufficiale britannico.

5.Grotte di Ellora

Le Grotte di Ellora si trovano a 30 km (19 miglia) dalla città di Aurangabad in India.», ‘Ellora rappresenta l’epitome dell’architettura indiana tagliata nella roccia.i 34 templi e monasteri buddisti, indù e giainisti tagliati nella roccia sono stati costruiti tra il 5° secolo e il 10° secolo.le grotte buddiste sono state le strutture più antiche e consistono per lo più in grandi edifici a più piani scavati nella parete della montagna, compresi gli alloggi, i dormitori, le cucine e altre stanze. Questa struttura gigantesca, progettata per ricordare il Monte Kailash, è stata scavata in un’unica roccia e copre un’area grande il doppio del Partenone di Atene.

4.Valle delle Regine

La Valle delle Regine, è un luogo in Egitto dove le mogli dei faraoni erano sepolte nell’antichità. La valle si trova vicino alla più nota Valle dei Re, sulla riva occidentale del Nilo, di fronte a Tebe.Questa zona arida delle colline occidentali è stata scelta per il suo relativo isolamento e la vicinanza all’antica capitale egiziana.La necropoli contiene più di 70 tombe scavate nella roccia, molte delle quali sono eleganti e riccamente decorate.

3.La necropoli contiene più di 70 tombe scavate nella roccia, molte delle quali sono eleganti e riccamente decorate.

3.La necropoli è stata scelta per il suo isolamento e la sua vicinanza all’antica capitale egizia. Valle dei Re

La Valle dei Re è una valle in Egitto dove, per un periodo di quasi 500 anni dal XVI all’XI secolo a.C., furono costruite tombe per i re e i nobili privilegiati del Nuovo Regno.la valle contiene 63 tombe e camere, che vanno da una semplice fossa a una tomba complessa con oltre 120 camere. Le tombe reali sono decorate con scene della mitologia egizia e danno indizi sulle credenze e sui rituali funerari dell’epoca; tutte le tombe sembrano essere state aperte e derubate nell’antichità. Solo la famosa tomba di Tutankhamon è stata risparmiata dalla peggiore delle depredazioni tombali.

2.Abu Simbel

Abu Simbel è un sito archeologico che comprende due enormi templi scavati nella roccia nel sud dell’Egitto, sulla riva occidentale del lago Nasser. I due templi gemelli furono originariamente scavati sul fianco della montagna durante il regno del faraone Ramesse il Grande nel XIII secolo a.C., come monumento duraturo a se stesso e alla sua regina Nefertari. Il complesso fu delocalizzato nella sua interezza negli anni ’60 per evitare che venissero sommersi durante la creazione del lago Nasser, l’enorme serbatoio d’acqua artificiale formatosi dopo la costruzione della diga di Assuan sul fiume Nilo. Abu Simbel rimane una delle principali attrazioni turistiche dell’Egitto.

1.Petra

Petra, la leggendaria «città rosa rossa, vecchia la metà del tempo», era l’antica capitale del regno nabateo, è senza dubbio il tesoro più prezioso e la più grande attrazione turistica della Giordania. Una città vasta e unica nel suo genere, scavata nel fianco del Wadi Musa Canyon secoli fa dai Nabatei, che la trasformarono in un importante snodo per le vie della seta e delle spezie che collegavano la Cina, l’India e l’Arabia meridionale con l’Egitto, la Grecia e Roma. L’edificio più elaborato di Petra è Al Khazneh («Il Tesoro»), scavato in una parete rocciosa di arenaria, la sua facciata massiccia che ingigantisce tutto ciò che la circonda.