10 incredibili monasteri cristiani

Il monachesimo cristiano è una pratica che ha iniziato a svilupparsi all’inizio della storia della Chiesa cristiana, sul modello degli esempi e degli ideali scritturali, compresi quelli dell’Antico Testamento. In origine, tutti i monaci cristiani erano eremiti che raramente incontravano altre persone (monos significa solo in greco), ma a causa dell’estrema difficoltà della vita solitaria, molti monaci hanno fallito, o tornando alle loro vite precedenti, o diventando spiritualmente illusori. Con l’aumentare del numero di persone che si sono avvicinate alla vita dei monaci, hanno iniziato a riunirsi e alla fine hanno vissuto in monasteri cristiani .

10.Monastero di Alcobaca

Il Monastero di Alcobaça è un monastero cattolico romano situato nella città di Alcobaça, nel Portogallo centrale, fondato dal primo re portoghese, Afonso Henriques, nel 1153, e ha mantenuto uno stretto legame con i re del Portogallo nel corso della sua storia. La chiesa e il monastero furono i primi edifici gotici del Portogallo e, insieme al Monastero di Santa Cruz a Coimbra, fu uno dei più importanti tra i monasteri cristiani medievali del Portogallo.

9.Monastero di Sumela

Il Monastero di Sümela è un monastero greco-ortodosso, situato ai piedi di una ripida scogliera che si affaccia sulla valle di Altindere, nell’odierna Turchia. Fondato nell’anno 386 d.C. durante il regno dell’imperatore romano Teodosio I (375 – 395), la leggenda vuole che due sacerdoti abbiano intrapreso la fondazione del monastero sul luogo dopo aver scoperto un’icona miracolosa della Vergine Maria in una grotta sulla montagna. Durante la sua lunga storia, il monastero di Sümela è caduto più volte in rovina ed è stato restaurato da vari imperatori romani. Monastero di Ostrog

Il Monastero di Ostrog è un monastero serbo-ortodosso posto su uno sfondo quasi verticale, in alto nella grande roccia di Ostroška Greda, dedicato a San Basilio di Ostrog ed è il luogo di pellegrinaggio più popolare del Montenegro. Fondato nel XVII secolo, l’aspetto attuale è stato dato nel 1923-1926, dopo un incendio che aveva distrutto la maggior parte del complesso.fortunatamente le due chiesette rupestri sono state risparmiate e sono le zone chiave del monumento.

7. Kiev Pechersk Lavra

Kiev Pechersk Lavra, noto anche come Monastero delle Grotte di Kiev, è uno storico monastero cristiano ortodosso di Kiev, in Ucraina. La Lavra di Kiev Pechersk contiene numerosi monumenti architettonici, che vanno dal Grande Campanile della Lavra, la caratteristica notevole dello skyline di Kiev, alle cattedrali, ai sistemi di grotte sotterranee e alle fortificazioni in pietra.

6.Monastero dei Gelati

Il Monastero dei Gelati è un complesso monastico della Georgia occidentale che contiene la Chiesa della Vergine fondata dal Re della Georgia David il Costruttore nel 1106, e le chiese del XIII secolo di San Giorgio e San Nicola. Aveva un’Accademia che impiegava alcuni dei più celebri scienziati, teologi e filosofi georgiani.

5.Monte Athos

Il Monte Athos è una montagna e una penisola della Grecia settentrionale. La penisola, la «gamba» più orientale della più grande penisola Calcidica, ospita circa 1.400 monaci in 20 monasteri ortodossi orientali, uno stato autonomo sotto la sovranità greca, l’ingresso nella zona è strettamente controllato e accessibile solo in barca.’, ‘Dei venti monasteri, uno è russo, uno è bulgaro, uno è serbo e gli altri sono greci. Ci sono anche comunità rumene e bulgare di eremiti cristiani che seguono una regola monastica (chiamata sketae).i monasteri e gli sketae stranieri sono sostenuti dai rispettivi paesi.

4. I monasteri e gli sketae stranieri sono sostenuti dai rispettivi paesi.

Il Monastero di Sant’Ivan di Rila, meglio conosciuto come Monastero di Rila, è il più grande e famoso monastero ortodosso orientale della Bulgaria, situato nella parte nord-occidentale dei monti di Rila, nella profonda valle del fiume Rilska.si pensa che il monastero sia stato fondato dall’eremita Sant’Ivan di Rila, di cui porta il nome, durante la dominazione dello zar Pietro I (927-968). L’eremita viveva in realtà in una grotta senza alcun bene materiale non lontano dalla posizione del monastero, mentre il complesso fu costruito dai suoi studenti, che venivano in montagna per ricevere la loro istruzione.

3.Monastero di Santa Caterina

Il monastero di Santa Caterina si trova sulla penisola del Sinai in Egitto, alla foce di una gola ai piedi del Monte Sinai. Il monastero ortodosso è stato definito il più antico monastero cristiano funzionante del mondo, anche se il monastero di Sant’Antonio, situato dall’altra parte del Mar Rosso nel deserto a sud del Cairo, rivendica questo titolo: fu costruito per ordine dell’imperatore romano orientale Giustiniano I (527-565) nel luogo dove si suppone che Mosè abbia visto il roveto ardente. La biblioteca del monastero conserva la seconda più grande collezione di codici e manoscritti antichi del mondo, superata solo dalla Biblioteca Apostolica Vaticana.

2.El Escorial

Situato ai piedi della Sierra de Guadarrama in Spagna, il monastero di San Lorenzo de El Escorial (El Escorial in breve), famoso in tutto il mondo, era il centro politico dell’impero spagnolo sotto il re Filippo II. Filippo nominò Juan Bautista de Toledo architetto nel 1559.Juan Bautista aveva trascorso la maggior parte della sua carriera a Roma, dove aveva lavorato alla basilica di San Pietro.Insieme hanno progettato El Escorial come monumento al ruolo della Spagna come centro del mondo cristiano.Oggi è uno dei siti reali spagnoli e funziona come monastero, palazzo reale, museo e scuola.

1.Meteora

Metéora («sospesa nell’aria») è uno dei più grandi e importanti complessi di monasteri ortodossi orientali in Grecia, secondo solo al Monte Athos.I sei monasteri cristiani sono costruiti su pilastri naturali in pietra arenaria nella Grecia centrale.Nel XIV secolo, Athanasios Koinovitis del Monte Athos fondò il grande monastero di Meteoron su Broad Rock. La posizione era perfetta per i monaci, che erano al sicuro da sconvolgimenti politici e avevano il controllo completo dell’ingresso ai monasteri.L’accesso ai monasteri era deliberatamente difficile, e richiedeva o lunghe scale legate insieme o grandi reti per trasportare merci e persone.Ciò richiedeva un grande salto di fede – le corde venivano sostituite solo «quando il Signore le lasciava rompere».