10 Incredibili edifici in mattoni di fango

Il fango, considerato un fastidio in molte aree del mondo, è stato considerato un materiale da costruzione principale in altre aree del globo.Il terreno argilloso si trova in abbondanza su questo pianeta, fornendo ai suoi abitanti case robuste.La cosa notevole delle strutture in mattoni di fango è la loro durabilità, con alcuni edifici di fango che durano per mille anni.

10. Taos Pueblo

Taos Pueblo è un’antica dimora nel New Mexico, abitata ininterrottamente per circa 1.000 anni dai nativi del Pueblo.le case in mattoni di fango sono fatte di mattoni di fango essiccati al sole, che sono rivestiti con un intonaco di adobe.l’adobe del sud-ovest è fatto di terra argillosa chiamata caliche, mescolata con paglia per una maggiore resistenza.i muri sono spessi, e sono ri-intonacati ogni anno, come parte di una cerimonia di villaggio. I tetti sono fatti di cedri, e le scale sono usate dall’esterno delle abitazioni per raggiungere la seconda inondazione.

9.Arg-e Bam

14

Bam ha avuto i suoi inizi come un fiorente centro commerciale sulla famosa Via della Seta, durante il periodo sasanide (224-637 d.C.).Bam produceva capi di seta e cotone per il commercio. Situata nel sud-est dell’Iran, Bam era costruita interamente in mattoni di fango fatti di terra argillosa e tronchi di palma. Mura spesse, con 38 torri di guardia, proteggevano la cittadella, che si estendeva per 6 chilometri quadrati, e conteneva una serie di canali d’acqua sotterranei, sostenendo circa 12.000 persone. Purtroppo, il terremoto del 2003 a Bam ha distrutto più della metà delle case della città e la storica cittadella di mattoni di fango.

8.Moschea di Djinguereber

Guadagnandosi la reputazione di essere di difficile accesso, Timbuktu si trova in Mali, Africa occidentale. La Moschea di Djinguereber fu costruita nel 1325, e vanta minareti dall’aspetto insolito con travi a vista che ricordano le strutture di Viga del sud-ovest americano. La Moschea di Djinguereber, fatta di fango e paglia, mantiene la sua forma e la sua forza grazie ai costanti bagni di sole, così come molti edifici di fango del mondo, una volta si trovava su una trafficata via dell’oro e del sale percorsa da cammelli.

7.Muro di Khiva

Un altro santuario del deserto, Khiva è in realtà una collezione di moschee e madrasse, che si trova nel deserto di Kyzylkum in Uzbekistan. Costruita per la prima volta 2.500 anni fa, presumibilmente da Shem, il figlio maggiore di Noè, l’antica città si chiamava Ichon-Qala (che significa all’interno del muro). Ichon-Qala è circondata dal Muro di Khiva, un bastione alto 10 metri fatto di argilla di alta qualità. Chan Chan

Chan Chan Chan, situato nella valle di Moche in Perù, è un affascinante complesso di edifici in fango di adobe, destinati ai re Chimu.11 cittadelle e una piramide sono racchiuse in un muro alto 8 metri (26 piedi di muro.Molte delle strutture sembrano essere perfettamente conservate.Nel suo periodo di massimo splendore, Chan Chan Chan conteneva una grande passeggiata nei pozzi.I Chimu erano abili metallurgisti, ceramisti e falegnami.», ‘Le popolazioni della classe inferiore vivevano fuori dalle mura di Chan Chan, riservando l’abitazione all’interno del muro ai reali e ai loro servi. Nel 2006 gli archeologi hanno scoperto statue di guerrieri scolpite nel muro del Palazzo del Mare.

5.Bobo Dioulasso Grande Moschea

La Bobo Dioulasso Grande Moschea in Burkina Faso è una moschea centenaria dell’Africa occidentale, con travi a vista, simile per stile alla Moschea di Djinguereber a Timbuktu. La moschea si trova ai margini della città vecchia e, a causa di un vicino torrente altamente inquinato, è circondata da cattivi odori. Attualmente è in corso il restauro della Vecchia Moschea di Bobo, come la chiamano gli abitanti del luogo, ma non in stile tradizionale, poiché si sta usando il cemento al posto del fango.

4.Oasi di Siwa

Edifici fortificati in karsheef – un tipo di fango locale, costituiscono l’oasi desertica di Siwa.Karsheef è fatta con la sabbia unica della riva del lago, ad alto contenuto di sale.Situata su una vecchia via commerciale di datteri, nel deserto occidentale egiziano, Siwa era un’oasi vitale per la via commerciale, in quanto le sorgenti naturali e l’ombra delle palme davano ai viaggiatori una tregua dal deserto. Oggi Siwa è popolata dai berberi Siwan, di origine nordafricana, ed è una delle principali attrazioni dell’Egitto.

3.Grande Moschea di Djenné

La più grande costruzione di fango del mondo, la Moschea di Djenné è costruita in stile sudanese e si trova in Mali. La prima moschea del sito è stata costruita intorno al 13° secolo, ma la struttura attuale ha circa un secolo di vita.Djenné era un tempo la città sorella dell’antica Timbuktu.il colorato e variopinto mercato all’aperto della città si trova ai piedi di questa moschea ed è una visita imperdibile!

2.La moschea di Djenné è stata costruita intorno al 13° secolo, ma la struttura attuale ha circa un secolo di vita. Ait Benhaddou

Una delle principali attrazioni turistiche del Marocco, Ouarzazate è un luogo dall’aspetto incredibile; con le sue kasbah di argilla, sembra un set cinematografico fatto su misura. In realtà potreste già aver visto Ouarzazate, visto che molti film sono stati fatti lì (Lawrence d’Arabia, Guerre Stellari e Gladiatore, per citarne alcuni). Essendo ai margini del deserto del Sahara, Ouarzazate è un punto di sosta popolare per i viaggiatori da e per altre destinazioni, che offre un sacco di negozi e alberghi. Aït Benhaddou è una delle antiche città murate di Ouarzazate.all’interno delle alte mura di fango ci sono 6 kasbah e un piccolo numero di case, che ospitano circa 8 famiglie.per il fotografo, questa regione arida ha pochi rivali, e si dice che sia la più bella nel tardo pomeriggio e durante il tramonto.

1. Shibam

Soprannominata la «Manhattan del deserto», Shibam è una città dello Yemen caratterizzata da edifici unici nel loro genere, risalenti al XVI secolo.le case a torre, alte circa 16 piani e alte fino a 40 metri e fatte di mattoni di fango, sono state costruite per proteggere i cittadini dalle incursioni dei beduini.gli edifici di fango devono essere mantenuti e spesso rinnovati dagli abitanti per proteggerli dalla pioggia e dall’erosione.