Tradizioni e cultura a Panama

Una panoramica delle tradizioni e della cultura di Panama

Trascrizione del video

Salve. Sono International Living , Panama Editor, Jessica, Ramesh, in arrivo da Panama City, Panama.

Oggi, ho pensato di fare un passo indietro e guardare la cultura e le tradizioni panamensi, che è sicuramente parte della ragione per cui amo davvero vivere qui. E ho pensato di iniziare parlandovi un po’ della nostra popolazione qui, in modo che possiate farvi un’idea di quanto sia varia. Perché molte volte quando la gente parla della cultura e delle tradizioni panamensi, pensa solo alla nostra eredità coloniale spagnola. Ma c’è molto di più.

Inizierò con una sorta di ritorno indietro nel tempo ad alcune delle culture e tradizioni più antiche. Panama ha sette grandi tribù indigene ancora esistenti qui a Panama. Oggi siamo uno dei pochi paesi dell’America centrale che hanno ancora tribù indigene che vivono nel paese. Non troverete la stessa varietà immediatamente a nord di noi, per esempio.

E delle nostre sette tribù principali, le due più note sono probabilmente i Guna e gli Emberá. Non so quanti di voi abbiano sentito parlare dei Guna Yala. Si trova sul lato caraibico di Panama. E quello che il governo panamense ha fatto per i suoi grandi gruppi di popoli indigeni è stato mettere da parte la terra per loro. Quello che voi conoscete come una riserva. Si chiamano comarcas. La comarca del popolo Guna è autonoma. Quindi è fondamentalmente governata da loro. E hanno alcune delle più incredibili isole caraibiche sotto la loro giurisdizione. Il loro intento è quello di mantenerle pulite, incontaminate e di preservare il loro stile di vita tradizionale. Quindi non permettono un grande sviluppo. Non troverete nessun resort su queste isole, solo piccole capanne che assomigliano molto alle capanne in cui vivevano. Cento, 200, 300 e più anni fa, praticano ancora la pesca tradizionale. Usano panga, barche a motore per andare da un’isola all’altra, piccole barche e pescano aragoste e si fanno selfie con le persone che arrivano sulle loro barche. Ma il traffico è limitato e solo una quantità limitata di turisti può visitare questa zona.

Quindi se vai a Kuna Yala, potrai vedere come la gente vive tradizionalmente. Ma è improbabile che tu possa assistere a una delle loro feste. Pochi stranieri sono stati testimoni delle loro feste. Ma puoi leggere molto. C’è molto materiale disponibile online su Amazon e solo online in generale sulla loro cultura. Puoi leggere delle loro feste. Hanno credenze religiose o spirituali molto specifiche radicate nella natura. Sono stati studiati perché hanno un’incidenza molto bassa di malattie cardiache. Sono molto conosciuti per il consumo di enormi quantità di cacao. Schiacciano i chicchi e li trasformano in una bevanda molto forte. Non si tratta di una normale tazza di cacao con latte e zucchero, ma di un potente infuso che bevono in grandi quantità. Gli scienziati li hanno effettivamente studiati per capire se c’è un legame tra questo, credono che ci sia, e la loro eccellente salute del cuore.

Ora si possono fare dei tour nella regione di Guna. Lo consiglio vivamente, ma solo per coloro che sono d’accordo con l’idea di vivere all’aperto. Come ho detto, non ci sono grandi resort. Molte volte quello che si accetta di fare è dormire in una capanna. Mangiare quello che pescano dal mare. Cibo molto, molto semplice. Cose come aragosta alla griglia e forse un po’ di riso.

Non avrai, sai, un’enorme selezione di insalate e cibi vegani o vegetariani se vai in questa regione. Quindi si tratta solo di stare sulla spiaggia e quasi come un campeggio.

La prossima tribù di cui voglio parlarvi è quella degli Emberá. E si possono fare dei tour in alcune delle loro comarca o aree di riserva. In realtà, ne hanno alcune che sono molto vicine a Panama City. Puoi volare da Panama City a Guna Yala con un volo di 20 minuti se non hai paura dei piccoli aerei. Puoi raggiungere alcune delle comunità Emberá in un paio d’ore. Puoi prenotare i turisti attraverso organizzazioni come Gamboa o Ancon. E se vai in una delle loro comunità, ti mostreranno come cucinano il loro cibo. Ti mostreranno come vivono. Ti mostreranno alcune delle loro danze. E puoi anche farti dipingere le braccia con il loro henné tradizionale, come un tatuaggio, che dura un paio di settimane. Ed è fatto con un frutto locale o una noce chiamata jagua. Ne estraggono un inchiostro nero. È molto simile a quello che la gente chiama henné nero, ed è tradizionale per loro dipingersi la faccia e le braccia con disegni geometrici e a volte con blocchi di colore. Molto bello! E si può anche guardare e comprare il loro artigianato. Sono conosciuti per un sacco di tipi diversi di artigianato, sono maestri artigiani. I miei preferiti sono i cesti intricati. Ce ne sono alcuni che hanno trame più grezze che ti costeranno un po’ meno. Se siete interessati solo al souvenir colorato da portare a casa. Ma gli intrecci molto, molto fini che richiedono molto, molto più tempo, molto più lavoro per lavorare su quelle fibre, per renderle abbastanza sottili, e poi per fare la colorazione e la tessitura effettiva dei cesti. E questi trattengono l’acqua. Sono tessuti così strettamente. Quindi è davvero qualcosa di interessante da vedere e da fare quando si viene quaggiù. Queste sono le due principali tribù.

E poi veniamo avanti nella storia alla nostra cultura afro-panamense. Prima ho detto che siamo conosciuti per la nostra cultura spagnola. Ma a Panama, in realtà, la comunità afro panamense è stata qui per molti anni e ha costumi e danze davvero colorati e festival che se hai l’opportunità di assistere al nostro molto divertente. Molti degli afro-panamensi che abbiamo qui sono stati portati come schiavi durante il periodo coloniale spagnolo. Quindi stiamo parlando di 500 o più anni fa. Panama City ha più di 500 anni ormai. E poi ci sono molti afro-panamensi che sono i discendenti di persone che vennero qui per lavorare al progetto del canale di Panama da posti come Barbados e Giamaica.

Quindi queste comunità, si trovano afro-panamensi in tutta Panama, naturalmente, ma in gran parte si sono stabiliti. Nella provincia di Bocas del Toro. E nella provincia di Colon di Panama. Ed entrambe le province hanno siti da vedere che sono grandi aree da visitare. Se volete vedere quel lato di Panama. Che è un po’ fuori dai sentieri battuti. Non tutti i turisti riescono ad andare nella provincia di Colon. Consiglio sempre di saltare Colon City, che è una delle nostre uniche zone ad alta criminalità. Ma il resto della provincia, al di fuori della capitale, c’è molto da vedere.

E uno dei siti storici più popolari è la città di Portobello, dove si possono vedere antiche fortificazioni e cannoni. E lì, durante il periodo di carnevale ogni anno e subito dopo il carnevale ogni anno, ci sono importanti feste in quella regione dove il corpo di ballo locale, a volte chiamato congos, esce con costumi molto colorati e indossando maschere. Questo potrebbe essere un po’ spaventoso per i più piccoli se si viaggia con loro. Queste maschere di cartapesta diablo o del diavolo sono in realtà molto belle, ma fanno parte della tradizione, in particolare di quella brillante tradizione carnevalesca, sulla quale tornerò tra un momento. Se hai la possibilità di assistere a questo nella provincia di Colon, è qualcosa di veramente speciale e non molti turisti ne hanno la possibilità. Dovresti pianificare il tuo viaggio con attenzione in modo da essere qui in tempo e in quelle date. Quindi basta guardare le date del Carnevale in generale e Google te le darà per qualsiasi anno tu sia interessato.

Ora, ho menzionato Bocas del Toro, che è un’altra provincia dove troverai la cultura afro panamense molto forte. Anche Bocas del Toro ogni anno ha il suo festival. Di solito si svolge più tardi nel corso dell’anno, ad agosto e settembre. A Bocas del Toro non solo troverai un sacco di afro panamensi con le loro tradizioni, danze, cultura, ma troverai anche una delle nostre altre comarche indigene. Così uno dei nostri più grandi gruppi indigeni, i Ngöbe o il popolo Ngöbe-Buglé, hanno le loro terre riservate o comarca tra le province di Chiriqui e Bocas del Toro. Queste chiamate comarcas sono terre riservate e non sono minuscole. Sono grandi come alcune delle nostre province. Sono grandi aree. Le tribù Ngöbe-Buglé di questa regione hanno anche una giurisdizione autonoma nella loro provincia. Si possono visitare le loro isole e conoscere la loro cultura e comprare artigianato da loro, ma sono loro a stabilire quante persone possono entrare nella zona. E, in generale, non si possono comprare proprietà o costruire grandi affari tipo resort sulle loro terre. Il loro intento è quello di mantenerle, come ho detto prima, tradizionali, pulite, incontaminate e preservare realmente questi ecosistemi. Il che è davvero fantastico.

E ora veniamo a, come ho detto prima, parte della nostra cultura e del nostro folklore deriva dalle tradizioni coloniali spagnole. E questo è probabilmente quello con cui la maggior parte di voi ha familiarità. Una delle cose che vedrete di più sui manifesti, cartoline in giro per il paese è l’abito tradizionale associato al folklore di Panama. E questo è effettivamente conosciuto come uno dei costumi nazionali più belli del mondo, la pollera. Che è il costume indossato dalle donne. Gli uomini indossano un costume ben noto come montuno. È proprio il vestito della pollera, splendidamente ricamato, che attira l’attenzione. La pollera più costosa richiede mesi di lavoro. E il nostro ricamato a mano.

Molte volte la gente pensa che sia un solo tipo di danza. Ma ci sono più tipi di danze con passi specifici e ci sono più tipi di pollera. Quella che si vede di più è un vestito molto bello che si alza sulle spalle. Ha una camicetta con fronzoli. È tipicamente indossato con gioielli d’oro molto specifici, tra cui un girocollo e una sorta di catena di monete d’oro o medaglioni. Anche il copricapo è molto intricato. Tradizionalmente, i piccoli ornamenti che vanno su tutta la testa della donna qui erano fatti di scaglie lucide. Oggi è un po’ più difficile trovarli.

Se li trovi, vale sicuramente la pena comprarli se vuoi averli. Ma al giorno d’oggi molte delle versioni più economiche sono fatte di perline, sia le tradizionali bianche o viola colorate o davvero colorate, bellissimi ornamenti newfangled, che sono anche molto belli. E poi la pollera tende ad entrare in vita e poi esce con dei volant dalla vita. E come ho detto, ricamata a mano, molto bella. Alcune sono solo ricamate bianco su bianco e altre sono molto colorate. E poi ci sono altri costumi tipo pollera che hanno gonne completamente colorate che non sono sempre ricamate, ma a volte decorate con fiori e simili. Quindi tanti tipi diversi di costumi, diversi tipi di danze con i loro passi specifici che si possono vedere in tutto il paese.

La regione di Panama che è più conosciuta per la sua pollera e per i suoi festival è la penisola di Azeuro di Panama. La penisola di Azeuro è una grande e grassa penisola che si protende a sud nell’Oceano Pacifico. Se prendi una mappa di Panama, vedrai quella penisola. Ed è composta da parti delle province di Los Santos, Herrera e parte di Veraguas. Quindi ci sono in realtà parti di tre province su quella penisola, tutte note per i loro festival. A loro piace dire che hanno circa 700 feste all’anno nella penisola di Azeuro. Non ho mai provato a contarli tutti, ma certamente ce ne sono molti, non importa in quale periodo dell’anno tu venga qui, se sei interessato a vedere quella sorta di vecchia Panama coloniale tradizionale spagnola. Si può generalmente testa alla penisola Azeuro a in qualsiasi momento dell’anno, prendere un festival acquistare, si parti di un costume pollera o un costume pollera completo. Se volete spendere così tanti soldi e sperimentare alcune delle danze, mangiare alcuni dei cibi, questo genere di cose.

La festa più conosciuta in questa regione è la nostra festa annuale di carnevale. Prima ho detto che le regioni di Affro Panamense hanno le loro feste di carnevale. Bene, il carnevale più conosciuto è quello dell’Azeuro a Panama. Abbiamo molte persone che vengono da fuori Panama per partecipare al nostro carnevale. Molte persone dicono che è secondo solo al carnevale di Rio de Janeiro nelle Americhe, ed è molto simile. Ci sono i grandi carri allegorici che richiedono quasi un anno intero per essere messi insieme. Ho visto draghi di cartapesta che sputavano fuoco su questi carri e geni alti non so quanti metri che torreggiavano nel cielo. Le donne indossano questi costumi così, sai, tipo 100 libbre con il copricapo e ballano tutto il tempo sul carro, il che richiede una forza e una resistenza incredibile. Ma è una cosa bellissima da vedere.

Se partecipi alle celebrazioni del Carnevale, sentirai la gente dire che celebrano il dio pagano Momo durante il Carnevale, il che potrebbe sorprenderti perché Panama è un paese prevalentemente cattolico, ma la tradizione del Carnevale consiste nel lasciarsi andare e avere quattro giorni di dissolutezza. Bere e ballare fino alle ore piccole è una parte importante. E poi finisce proprio quando inizia la Quaresima. Ed è allora che il panamense medio farà dei sacrifici per i 40 giorni di Quaresima. Quindi sia il Carnevale che la Quaresima e la successiva tradizione pasquale, fanno molto parte della vita panamense qui a Panama. Consiglio vivamente un viaggio nella penisola di Azeuro se volete vedere dove tutto è cominciato, le antiche radici spagnole di Panama. E se vuoi andare ad un festival, le tue possibilità sono buone. Come ho detto, in qualsiasi momento dell’anno, c’è la possibilità di vedere qualcosa di incredibile.

Uno dei festival poco conosciuti si svolge nella piccola città di Guararé ogni anno. E le date variano ogni anno. Quindi potete cercarle su Google. E questo è il festival della Mejorana. È una piccola chitarra spagnola che è ancora fatta a mano in questa regione di Panama. E hanno un intero festival costruito intorno ad essa con molta musica, molti balli. Se ascolti il popolo panamense, la musica tradizionale, ti ricorderà quasi alcune delle tradizioni dello yodel in Europa. Hanno le loro tradizioni di yodeling. Ma c’è un sacco di divertimento e di prese in giro. Se capisci lo spagnolo e ascolti i testi delle canzoni. A volte fanno così, chiamando avanti e indietro dove si insultano e si prendono in giro. Mi ci è voluto un po’ di tempo per riuscire a capire abbastanza lo spagnolo da poterne cogliere una parte. Ma è stato molto arricchente per me quando il mio spagnolo è diventato abbastanza buono da poterne capire un po’. Ancora non capisco tutto. E sono davvero divertenti. Ed è quasi come, sai, le battaglie rap negli Stati Uniti dove le persone vanno avanti e indietro e non hanno preparato nulla, ma sono così intelligenti e se ne escono con cose che fanno rima e con delle ottime bruciature o insulti e tutti ridono e ballano e si divertono molto.

Spero che alcune delle cose di cui ho parlato qui oggi abbiano suscitato il vostro interesse. E forse avrete un po’ di tempo per andare fuori dal sentiero battuto e vedere alcuni dei festival, i festival meno conosciuti, visitare alcune delle aree che non tutti i turisti raggiungono, come Portobello nella provincia di Colon o come Bocas del Toro, le isole caraibiche di Bocas del Toro sono belle quanto le Bahamas. Lo so perché lavoravo per la Carnival Cruise Lines e ci andavo ogni settimana. E la cosa buona di Bocas del Toro è che non è mai affollata, generalmente si trova un tratto di spiaggia in cui ci si può rilassare e non si deve lottare con la folla per un po’ di sabbia in cui stendere l’asciugamano o, sapete, guadare l’acqua tra centinaia di persone. Abbiamo ancora molte zone che sono piccole isole e dove una barca può attraccare per il giorno e permetterti di avere la tua isola deserta per un giorno, che è probabilmente una delle mie esperienze preferite qui a Panama.

Tradizione e cultura a Panama

Sebbene sia un paese piccolo, grande quanto la Carolina del Sud, Panama è molto vario. Ufficialmente un paese cattolico, Panama ha una lunga tradizione di tolleranza religiosa ed etnica con grandi comunità provenienti da tutto il mondo tra cui Cina, Corea, Israele, Libano, India, Colombia e Venezuela per citarne alcuni.

Si stima che almeno il 75% della popolazione si identifichi come cattolica romana, con il 15% – 25% che appartiene ad altre tradizioni cristiane. Altre religioni o sistemi di credenze praticate a Panama includono la fede Bahá’í, il buddismo, l’ebraismo, l’islam e l’induismo.

Ogni regione di Panama ha il proprio aspetto e la propria atmosfera, per non parlare delle tradizioni. Le comunità indigene e afro-caraibiche hanno qui una ricca storia. E, come in Nord America, la colonizzazione ha alterato per sempre il paesaggio culturale.

Gli esploratori spagnoli arrivarono qui già nel 1501 e Panama fece parte dell’impero spagnolo dal 1513 al 1821. Il fallito tentativo francese di costruire il Canale di Panama, dal 1881 al 1889, ha lasciato il segno e per la maggior parte del XX secolo, fino al dicembre 1999, gli Stati Uniti hanno gestito e mantenuto il Canale di Panama.

Culture e tradizioni antiche a Panama

Panama è uno dei pochi paesi della regione dell’America centrale e meridionale con una grande popolazione indigena. Sette tribù principali continuano a vivere stili di vita tradizionali qui, e le più grandi governano autonomamente in massicce riserve. Piccoli gruppi di visitatori sono i benvenuti per visitare e conoscere le tribù e i loro sforzi per mantenere le loro terre in condizioni incontaminate.

I Guna possiedono alcune delle proprietà immobiliari più spettacolari di Panama, poiché molti di loro costruiscono le loro case sulle isole caraibiche gioiello di Guna Yala. Qui c’è un’attenzione particolare al turismo sostenibile. I turisti godono della semplicità delle spiagge di sabbia bianca, delle acque turchesi e dei frutti di mare appena pescati nell’oceano.

I tour alle comunità Emberá-Wounaan, sono anche popolari. Insieme ai Guna e alle tribù Ngäbe-Buglé che abitano le scenografiche regioni di Chiriqui e Bocas del Toro, gli Emberá sono noti per il loro artigianato artistico.

Tradizioni notevoli che sono sopravvissute fino ai tempi moderni includono la caccia ancestrale, la pesca e l’usanza di vivere in capanne sopraelevate. Le donne Emberá tendono ancora ad andare a torso nudo e ad indossare abiti colorati dalla vita in giù, con fiori nei capelli. Un altro marchio di fabbrica sono i loro «tatuaggi temporanei» in ebano. Per questi usano una tintura fatta con il succo del frutto jagua. Molto simile all’henné indiano o al mehndi, la macchia dura un paio di settimane.

Le profonde radici afro-caraibiche di Panama

Panama ospita migliaia di persone di origine africana, i cui antenati vennero da posti come Giamaica, Barbados, Trinidad e Tobago per aiutare a costruire il canale… o erano schiavi portati qui durante il periodo coloniale. Anche se vivono in tutta la capitale e nel resto del paese, gli afro-caribei si sono stabiliti prevalentemente nelle province di Bocas del Toro e Colón. In queste province, molti abitanti parlano inglese con un accento caraibico.

Se sei un amante della musica e della danza, non rimarrai deluso. Qui sentirai i ritmi latini della salsa e del merengue, il reggae e le percussioni di ispirazione afro-antillana e molto altro ancora.

Folklore spagnolo ad Azuero e oltre

Ci sono molti posti a Panama dove puoi vedere la prova delle sue profonde radici spagnole. La penisola di Azuero, conosciuta come la «culla del folklore», è forse la più popolare. Per le principali celebrazioni e feste nazionali, non c’è posto migliore. Durante la stagione del Carnevale, la gente del posto e i turisti accorrono in massa. Le danze tradizionali sono impostate su musica tipica, caratterizzata da yodel, fisarmoniche e piccole chitarre chiamate mejoranas.

Ci sono più di 700 feste che si tengono a Panama ogni anno, quindi non importa quando si visita, si dovrebbe essere in grado di trovarne una. I ballerini indossano di tutto, dall’appariscente abito di carnevale al sognante vestito bianco conosciuto come la pollera. Il più grande evento dell’anno è il Carnevale, che si tiene nei quattro giorni che precedono la Quaresima cattolica. (Le date variano ogni anno, ma di solito è a febbraio)

Cultura e tradizioni nel Panama di oggi

Sebbene la Spagna e la Francia abbiano giocato ruoli importanti nella storia di Panama, la repubblica esistente è nata nel 1903. Una forte presenza degli Stati Uniti ha aiutato a plasmare Panama in uno dei paesi più moderni e avanzati dell’America Latina.

Dal 1904 al 1914, gli Stati Uniti costruirono il Canale di Panama, rimanendo ad amministrare la via d’acqua e la «Zona del Canale» circostante e più tardi a costruire basi militari. Nei decenni successivi, tutto, dalle infrastrutture alle tendenze della moda, fu influenzato dalla presenza degli Stati Uniti e dal traffico internazionale attraverso il canale.

Oggi, i residenti internazionali, i visitatori, le imprese e la cultura hanno continuato a influenzare la vita panamense. L’infrastruttura locale rimane eccellente… e l’atmosfera moderna e cosmopolita di Panama rende fin troppo facile dimenticare che sei in America Centrale.

Sbarca a Panama City e vedrai uno scintillante skyline di torri cromate e d’acciaio. Lungo la Baia di Panama c’è la Cinta Costera, o cintura costiera, un ampio viale fiancheggiato da verde, passerelle, piste ciclabili, aree ricreative e altro. Confina con l’affollato International Banking District, dove i dirigenti ben vestiti sfoggiano smartphone e guidano l’ultimo modello di auto. Cioè, quando non sono in sella alla nuova metropolitana che attraversa le affollate aree commerciali della città. La nazione è piena di energia, e le persone qui ne stanno raccogliendo i frutti.

Need-to-Know: Galateo, interazioni d’affari e altro

L’attenzione ai rapporti personali è forse la caratteristica più conosciuta a Panama, in particolare negli affari. Ancora oggi, i panamensi impiegano tempo e sforzi per stabilire una relazione personale prima di entrare in una relazione d’affari (come avviene nella maggior parte dell’America Latina).

Fortunatamente, la storia internazionale di Panama e la lunga associazione con gli Stati Uniti significa che i panamensi sono abituati agli stranieri di tutto il mondo. Grazie alla sua posizione strategica e alla posizione unica come centro commerciale, i cittadini di Panama rappresentano quasi tutte le culture e religioni del mondo. È un vero «melting pot» di razze, con oltre il 70% della popolazione meticcia (misto amerindio e caucasico).

Scoprirete anche che il termine «PC» o «correttezza politica» ha poco peso qui. I panamensi sono abbastanza diretti. Se aumenti di peso, la prossima volta che il tuo amico locale ti vedrà, lui o lei dirà probabilmente: «Sei diventato più grasso». In generale, le persone qui non intendono offendere, quindi non vedono il motivo di essere PC. La gente qui tende semplicemente a dire quello che pensa.

Se si è invitati a casa di qualcuno, è educato portare un piccolo omaggio, per esempio dei fiori, una scatola di caramelle, un souvenir della propria città natale o una bottiglia di vino. Le mani vanno tenute al di sopra del tavolo, senza gomiti. Parlare con la bocca piena o masticare con la bocca aperta è, come altrove, considerato maleducato. La conversazione mentre si mangia è limitata ad argomenti «leggeri» come lo sport, i cibi preferiti, il tempo, ecc. Fate i complimenti per il cibo dopo qualche minuto e, prima di andarvene, ringraziate il vostro ospite per l’ottimo pasto.

Inoltre, siate pronti per le coccole. Dovresti sempre offrirti di aiutare, ma nelle famiglie formali, la tua offerta sarà cortesemente rifiutata (i locali benestanti avranno una cameriera per pulire e lavare, e non ti vorranno tra i piedi). Molto probabilmente sarai servito per primo. Se possibile, invita il tuo ospite a un bel pranzo o cena per ricambiare (a casa tua se ne hai una a Panama, altrimenti in un ristorante). Assicurati di non essere troppo arrugginito per quanto riguarda il galateo generale della cena, dato che i panamensi di alta classe hanno maniere impeccabili.

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *

Ir arriba