15 Le più affascinanti piccole città della Scozia

La storia e il patrimonio storico si estendono in tutta la Scozia dalle Highlands alle Lowlands, dalle Orcadi alle Ebridi. Castelli secolari e antiche rovine punteggiano il territorio, testimonianza di un passato che comprendeva tanto conflitti interni quanto lotte contro gli invasori, compresi i re nordici quanto gli inglesi.

Glens e bens sono all’ordine del giorno per gli scozzesi all’aperto sono semplicemente stupefacenti: la montagna più alta delle isole britanniche si trova qui, Ben Nevis, così come alcune delle coste più drammatiche che si possono incontrare. Ecco uno sguardo alle più belle cittadine scozzesi che potete trovare in.

15.Anstruther

Un viaggio in questo pittoresco villaggio di pescatori non sarebbe completo senza visitare l’Anstruther Fish Bar – e sì, è un negozio di pesce e patatine. Un altro luogo premiato in città è lo Scottish Fisheries Museum, dove è possibile conoscere l’industria della pesca scozzese dalla preistoria ai giorni nostri e immergersi negli edifici storici del museo, tra cui la casa dell’abate del XVI secolo.

14. Braemar

Il legame reale in questa città è forte.In primo luogo, il castello di Balmoral, a volte residenza della famiglia reale, si trova a pochi chilometri di distanza ed è parzialmente aperto al pubblico quando non è abitato.In secondo luogo, Braemar è il luogo in cui si svolge il Braemar Gathering, un evento annuale degli Highland Games, tradizionalmente frequentato dalla famiglia reale, fin dai tempi della regina Vittoria. La storia abbonda: c’è il castello di Braemar del 17° secolo, pieno di antichità, e le rovine del castello di Kindrochit del 14° secolo, per esempio. È anche alle porte di una facile escursione nella riserva naturale di Morrone Birkwood, così come una ripida salita sulla vicina collina di Creag Choinnich.

13. Kelso

A due passi dal confine inglese e ricco di interesse storico e architettonico, Kelso ha preso vita quando la costruzione del suo monastero è stata autorizzata nel 1138.Quasi un millennio dopo, le rovine dell’abbazia di Kelso sono ancora imponenti e ben conservate. Più recente è il grande castello di Floors, che risale al 1721; all’esterno, le dimensioni e la scala di questo palazzo sono impressionanti, ma all’interno è maestosamente appeso con arazzi.Situato alla confluenza dei fiumi Tweed e Teviot, questa città storica è piena di cose da fare, mangiare e bere.

12.Linlithgow

L’antica città di Linlithgow, con la sua storica High Street, vanta un punto di riferimento molto famoso: Il palazzo di Linlithgow, sebbene l’edificio attuale sia stato iniziato nel 1424, si trova sul sito di un edificio originale ancora più antico. Possibilmente il più bell’esempio di architettura tardo-medievale della Scozia, è il luogo di nascita di Giacomo V e Maria, regina di Scozia, ed è circondato da un idilliaco tratto di parco conosciuto localmente come «il Peel», che comprende l’idilliaco Linlithgow Loch.A sud della città si trova una parte del Glasgow-Edinburgh Union Canal.

11.St Andrews

Sebbene St Andrews sia nota soprattutto per essere la terza università più antica del mondo anglofono – e il luogo di istruzione superiore della famiglia reale britannica – la città è un’attrazione in sé, con siti storici disseminati per le sue strade. Sulla costa si trovano le spettacolari rovine a picco sulla scogliera del castello di St Andrews del XIII secolo, completo di segrete e passaggi segreti, e più all’interno ci sono i 18 acri di natura scolpita del Giardino Botanico. Altrove c’è l’ormai rovinata cattedrale del XII secolo – la più grande chiesa mai costruita in Scozia.

10.Fort Augustus

Fort Augustus si trova all’estremità sud-ovest del più famoso di tutti i laghi: Loch Ness. Oltre a fare una crociera a Loch Ness, a conoscere la cultura delle Highlands presso il Clansman Centre o a visitare l’abbazia del XIX secolo, è lo scenario naturale in una zona attraente delle Highlands scozzesi di cui Fort Augustus gode, che lo rende un luogo incantevole, anche se ben frequentato.

9.Tarbert

Gli edifici color pastello, i negozi, i pub e le suggestive rovine del castello di Tarbert del XIII secolo fanno di questa cittadina una fetta di gioia estetica sull’istmo che collega la penisola di Kintyre a Knapdale. Per escursionisti, escursionisti e corridori, questo è il punto di partenza della Kintyre Way di 100 miglia, che comprende il paesaggio di questa incredibile penisola.

8.Plockton

Questo piccolo villaggio ha iniziato la sua vita come comunità pianificata basata sulla pesca, un tentativo di arginare l’emigrazione dalle Highlands. La maggior parte delle case sono del XIX e XX secolo, ma la sua posizione è molto attraente: sulla costa occidentale Plockton si affaccia a est, il clima è mite e permette la crescita di palme da cavolo fuori posto. La città era popolare con il collettivo artistico del XX secolo, la Edinburgh School, e continua ad attrarre artisti (e turisti) anche oggi.

7.Kirkcudbright

Questa città è associata con l’art.Collectives Glasgow Boys (della fine dell’800) e i coloristi scozzesi dell’inizio del XX secolo, che hanno entrambi visitato e soggiornato nella zona, creando una colonia di artisti a Kirkcudbright che è durata circa 30 anni. Ma gli artisti continuarono a venire, consolidando una reputazione per l’arte e per gli artisti che vive ancora oggi. Fondata nel XII secolo, le file di case color pastello di Kirkcudbright e gli edifici medievali, come il castello McLellan del XVI secolo, contribuiscono chiaramente al fascino della città.

6.Killin

Situato all’estremità occidentale di Loch Tay, lo scenografico Killin si trova in una posizione privilegiata per l’esplorazione delle Highlands. Il famoso clan dei MacNab era dominante qui – c’è un cerchio di pietra preistorico nei terreni della loro vecchia sede del potere, Kinnell House; e si può trovare il luogo di sepoltura della loro famiglia a Inchbuie, un’isola nel fiume Dochart.A nord della città ci sono le rovine del castello di Finlarig del 17° secolo.», ‘Ma solo le passeggiate e le escursioni sulla vicina montagna Beinn Ghlas valgono un viaggio in questo posto fuori mano.

5.Portnahaven

Pretty Portnahaven è un villaggio progettato costruito nel 19° secolo – le sue casette bianche sono dettagliate intorno alle finestre con colori diversi, e si sentono calde e accoglienti in mezzo al paesaggio aspro. Il suo porto è riparato e come tale attira le foche grigie, che sono note per fare un salto per prendere il sole sugli scogli. È anche un paradiso per gli amanti del birdwatching: tosatrici, procellarie, sule e sule possono essere in abbondanza in autunno. Portree

La più grande città dell’isola più grande delle Ebridi interne, Portree è molto attraente con le sue case color pastello e il porto orlato da scogliere – con un molo progettato da Thomas Telford, per non parlare del molo, progettato da Thomas Telford.La città è perfettamente situata come porta d’ingresso allo scenario roccioso della penisola trotternese (una delle 40 National Scenic Areas della Scozia), vicino al famoso punto di riferimento il Vecchio di Storr, così come per esplorare il resto di Skye. L’Aros Centre at Portree celebra la cultura gaelica di Skye – sull’isola ci sono molti parlanti della lingua.

3.Pittenweem

Il commercio con il Belgio e i Paesi Bassi ha influenzato lo stile molto grazioso delle case di Pittenweem, con i loro muri bianchi e i tetti rossi. Uno dei villaggi di pescatori più attivi in questa zona di Fife, è diventato ancora più trafficato dal 1982 quando il villaggio ha lanciato il suo primo Arts Festival, che oggi è uno dei più amati in Scozia; nel 2013 ne sono arrivati più di 25.000, quasi 25 volte la sua popolazione; i vicoli tortuosi di questo luogo pittoresco sono anche ricchi di storia: un’abbazia del 1318 si erge sopra un sacro dono associato a San Fillano.

2.Stromness

Situata sulla «terraferma» – la più grande delle Isole Orcadi – questa città è caratterizzata dal fascino della costa, con edifici in pietra arenaria rannicchiati dal mare mosso. Meno di 20 minuti di macchina a nord di Skara Brae, un sito neolitico precedente sia a Stonehenge che alle Grandi Piramidi, una collezione di incredibili case ben conservate e solo una parte degli antichi siti delle Orcadi.

1. Tobermory

I coloratissimi negozi e ristoranti di Tobermory sull’Isola di Mull sono famosi, tra l’altro, per essere stati presentati nel programma televisivo per bambini Balamory, tra l’altro, e si può capire perché: sono incredibilmente pittoreschi contro il verde degli alberi, le acque nere e vetrose e (spesso) il cielo grigio. C’è molto da fare in città, con il Museo di Tobermory, un acquario e la distilleria di whisky single malt di Tobermory da visitare, altrimenti è perfetta come base per esplorare quest’isola delle Ebridi Interne.

Ir arriba