Dove dormire a Edimburgo

La capitale della Scozia, Edimburgo, è una città profondamente storica con un centro storico straordinariamente ben conservato. Oltre al suo castello, il centro di questa città è pieno di strade storiche ambigue; le guglie delle chiese e i solchi degli edifici antichi creano uno skyline decisamente pittoresco.

Ma «non è tutta storia antica; il lato nord della città ospita una meraviglia dell’urbanistica del XVIII secolo, uno squisito sistema a griglia di case georgiane dove i visitatori potranno trovare una serie di musei e gallerie d’arte che parlano del «patrimonio culturale scozzese».

Mappa di Edimburgo

Andiamo avanti veloce verso i tempi moderni, e questo patrimonio è ancora forte. Ogni anno, durante il mese di agosto, la città ospita il rinomato Edinburgh Festival Fringe. Si tratta del più grande festival artistico del mondo e segna un momento in cui le strade della città sono occupate da artisti di strada e musicisti, con molti luoghi in cui si svolgono spettacoli teatrali, commedie, concerti e mostre d’arte.

Anche se abbastanza compatta da poter essere percorsa a piedi o in bicicletta, Edimburgo dispone di un aeroporto, di numerose stazioni ferroviarie, di una rete di tram e di autobus per spostarsi in città. Quando si tratta di soggiornare in questa città magica, oltre ad ostelli e alloggi a prezzi accessibili con lo zaino in spalla situati sopra i vivaci pub, ci sono alcuni grandi alberghi di lusso e bellissime pensioni che rendono il soggiorno a Edimburgo piacevole quanto l’esplorazione della città.

7. Old Town

Come si può capire dal nome, la Città Vecchia – o Auld Toun in scozzese – è la parte più antica di Edimburgo. Questa parte della città conserva molte delle sue strade medievali ed è sede di uno dei punti di riferimento più rappresentativi della città – se non del Regno Unito – il Castello di Edimburgo. Situata sulla Castle Rock, che è una spina vulcanica in un vulcano spento, l’occupazione di questa terra risale a migliaia di anni fa, alla tarda età del bronzo.

Con la Holyrood Abbey del XII secolo, fondata ai piedi della ‘Rock’, la medievale Edimburgo si estendeva e cresceva lungo quello che oggi è conosciuto come il Royal Mile – una strada acciottolata con un blocco di edifici storici – che è anche la sede dell’annuale Edinburgh Festival. La zona è un vero e proprio labirinto di viuzze – nel gergo locale si dice «chiude» – ed è dove si trovano tutti gli edifici storici e i luoghi di interesse turistico.

Con la stazione di Edimburgo nelle vicinanze, oltre a caffè, vecchi pub e persino uno o due locali notturni, la Città Vecchia è ancora viva con lo spirito della città.

6. Città Nuova

Situata a nord della Città Vecchia, al di là dei binari della ferrovia, si trova la Città Nuova di Edimburgo, ma «non è così nuova come si pensa; «è solo nuova rispetto all’atmosfera medievale acciottolata della Città Vecchia». Costruita in risposta al sovraffollamento che si stava verificando nella Città Vecchia, questa parte di Edimburgo si trova all’incirca nella metà del XVIII secolo, con edifici georgiani della metà e fine del XVIII secolo, completi di pilastri e facciate in pietra arenaria, che fanno di questa parte della città un luogo pittoresco in cui passeggiare.

Qui, la Scottish National Gallery, la Galleria d’Arte Moderna e la National Portrait Gallery costituiscono una triade del patrimonio culturale della zona; in quest’ultima, si possono trovare ritratti di scozzesi iconici come Robert Burns, Sir Walter Scott, e due di Mary, Regina degli scozzesi.Oltre all’arte, si può fare shopping lungo la strada commerciale principale di George Street.Inoltre, New Town è la sede dell’Edinburgh Playhouse degli anni Venti.’, ‘

Se New Town sembra il vostro genere di posto, gli hotel di questa zona vanno da catene moderne e boutique di classe in case a schiera georgiane a ostelli più convenienti e pensioni rilassate.

5.Stockbridge

L’area di Stockbridge confina con il bordo nord-ovest di New Town e ha un’atmosfera decisamente tranquilla, quasi come un villaggio ma comunque molto vicina al centro della città. È talmente simile a un villaggio che c’è persino un «mercato contadino» che si svolge ai Giardini del Giubileo, lungo le rive dell’Acqua di Leith – un fiume lungo 24 miglia che si snoda attraverso la città. Qui potrete mettere le mani su formaggi, salmone e artigianato – e poi mangiare delle crepes.

Per un tocco di divertimento bizzarro e ben piazzato, la Stockbridge Duck Race, iniziata nel 1988, è un evento annuale di beneficenza che si svolge ogni anno a luglio e che vede 1.000 papere di gomma liberate nell’Acqua di Leith, ma per un divertimento più tradizionale, ci sono vecchi pub come The Antiquarry, situato in fondo a un piccolo vicolo. Se «siete appassionati di giardini botanici, siete fortunati, andate ai Giardini di Inverleith e fate una passeggiata per il parco, ammirando tutto il verde tagliato che si trova qui.

Soggiornare a Stockbridge significa essere trattati come alloggi in edifici d’epoca eleganti e accoglienti, con un arredamento elegante e confortevole.

4.Leith

Leith è un’area portuale a nord del centro di Edimburgo, nota per essere una fresca enclave sul lungomare. Non è così lontana però; questa città è collegata al centro da una passerella (Leith Walk) che percorre tutta la lunghezza dell’acqua di Leith.Avvicinandosi a Leith, «sarete ricompensati con una selezione di ristoranti e bar sul lungomare.

Per un po’ di storia della zona, potete andare al Trinity House Maritime Museum, che si trova a sua volta in una villa del 1816. La statua della Regina Vittoria si trova nel cuore di Leith Walk ed è un popolare punto di incontro. C’è anche il Royal Yacht Britannia, che è ormeggiato nel porto stesso. Questo è l’ex yacht della famiglia reale britannica. Per fortuna, si può passeggiare per i suoi corridoi e i suoi ponti durante il tour – e anche pranzare.

Se volete stare in questa zona fresca e rilassata, potete stare vicino al bordo dell’acqua in vecchi edifici sul lungomare, o optare per piccole e più convenienti pensioni. Haymarket Dalry

Haymarket, accanto alla vicina Dalry, si trova appena ad ovest del centro di Edimburgo – fuori dalle mura della città vecchia – ed è una zona vivace e piena di pub, caffè e ristoranti, come il ristorante scozzese First Coast, particolarmente buono.

Haymarket vanta una propria stazione ferroviaria ed è ben collegata da servizi di autobus e tram, mentre la vicina Dalry è più che altro una zona residenziale, con molte piccole strade locali.Il Tynecastle Park Stadium è il terreno del locale Midlothian Football Club, che si può conoscere meglio nell’adiacente Heart of Midlothian Museum.il vicino Roseburn Public Park ha campi da cricket e piste ciclabili.’, ‘Dalry vanta anche un cinema.

Questo è il tipo di zona dove si può entrare in contatto con una vita più locale rispetto al centro di Edimburgo.Forse non ci sono molte attrazioni storiche, ma semplicemente vagando per Haymarket e Dalry vi darà una visione autentica di come vive la gente del posto. Con hotel più esclusivi a Haymarket, in particolare vicino alla stazione ferroviaria, Dalry ha una manciata di semplici alberghi in case di charme.

2.Morningside Bruntsfield

Situate a sud del centro di Edimburgo, queste due zone rappresentano un lato molto più verdeggiante della città e sono principalmente residenziali. A Bruntsfield, a nord di Morningside, troverete il parco di Bruntsfield Links, così come The Meadows, un parco più esteso e di collegamento, dove si trovano «parchi giochi per bambini e numerosi sentieri per passeggiate».Bruntsfield è anche molto vicino all’Università di Edimburgo.

Anche Morningside ha il suo verde da esplorare. L’Ermitage of Braid e la Blackford Hill Local Nature Reserve è una zona collinare dove si può ambire a splendide vedute della città sottostante.All’interno di questo tratto di natura si trova il Royal Observatory, un edificio vittoriano per l’osservazione delle stelle.

Non esattamente brulicante di hotel, ma comunque con qualche pensione, appartamenti e anche una o due offerte di lusso in più, Morningside offre un posto relativamente tranquillo per soggiornare a Edimburgo. Morningside è più abbondante sul fronte degli alloggi, tuttavia, con bed-and-breakfast ambientati in case edoardiane. Anche se «non ci sono stazioni ferroviarie, ‘è facile raggiungere il centro della città da queste zone sia a pedali che con l’autobus.

1.South Side Newington

L’indizio è nel nome quando si parla di South Side; ‘è appena a sud del centro storico di Edimburgo ed è dove si trova l’Università di Edimburgo. Fondata nel 1582, questa è in realtà una delle più antiche università del mondo anglofono.

Adiacente a South Side c’è Newington.Questa zona offre molte attrazioni culturali locali dove è possibile assistere a uno o due concerti, come il ‘Queen’s Hall – un locale musicale ospitato in una ex cappella – e il Summerhall, situato all’interno di un vecchio collegio veterinario. Nelle vicinanze di Holyrood Park si trova un’ampia area naturale dove si può fare un’escursione a piedi fino ad ‘Arthur’s Seat, un gruppo di colline che offrono una vista mozzafiato della città in un ambiente aspro; qui, le Salisbury Crags offrono a chi osa arrampicarsi su roccia. C’è anche un po’ di storia, con le pittoresche rovine della Cappella di Sant’Antonio, dove potrete immergervi in un ambiente medievale.

Soggiornare in questa zona di Edimburgo significa fermarsi in una delle tante pensioni e hotel – da quelli di basso livello a quelli di alto livello – situati lungo Clerk Street, che va da sud fino alla Città Vecchia stessa.

Ir arriba