Le 13 montagne più difficili da scalare nel mondo

L’arrampicata in montagna è uno degli sport più impegnativi e rischiosi che esistano. Gli incidenti possono accadere in qualsiasi momento, specialmente quando sei a tanti metri da terra ed è difficile respirare.

Ma la soddisfazione di raggiungere la cima è innegabile. E più grande è la montagna, maggiore è la soddisfazione.

Quindi, se sei un alpinista esperto e vuoi una degna sfida, ecco le 15 montagne più pericolose da scalare

1. Monte Denali

Situato in Alaska, USA, e alto 6190 metri. Il Monte Denali, precedentemente conosciuto come Monte McKinley, è la montagna più alta dell’Alaska.

rappresenta una seria minaccia per qualsiasi alpinista che osi tentare di scalarlo. Solo il 50% degli scalatori che lo iniziano riescono a finirlo e ci vogliono circa 21 giorni per raggiungere la cima.

Nonostante sia relativamente piccola rispetto alle altre montagne di questa lista, la sua alta quota rende difficile respirare mentre si sale, a causa della progressiva perdita di ossigeno.

Inoltre, Denali ha un clima forte, temperature basse ed è soggetto a terremoti. Ma si dice che la cima offra una vista spettacolare, che molti dicono sia come vedere il mondo attraverso le finestre del cielo.

Hai il coraggio di provare a scalarlo?

2. Massiccio di Vinson

Si trova in Antartide e misura 4982 metri. È una delle più piccole della lista, ma la difficoltà di scalare una montagna non si basa sulla sua altezza.

Il monte Vinson è particolarmente desolato. Se hai un incidente, ti ci vorranno settimane per raggiungere un ospedale. E per finire, avere un incidente lì è abbastanza probabile.

L’Antartide non solo ha un tempo imprevedibile, ma anche un freddo estremo. Infatti, le sue temperature sono tra le più fredde del pianeta e il vento può superare gli 80 km all’ora.

Quindi non sottovalutare una montagna per le sue dimensioni.

3. L’Eiger

Si trova in Svizzera e misura 3970 metri. È anche relativamente piccolo, ma ricordi cosa ho detto sulla difficoltà di una montagna?

L’Eiger è conosciuto in tutto il mondo come la parete assassina. Richiede una grande abilità tecnica, una buona impugnatura della piccozza, per scalare la sua parete di 1800 metri.

Qualsiasi errore avrebbe portato ad una lunga e dolorosa caduta, sul ghiaccio e sulle rocce che si scongelano. Almeno 64 scalatori sono morti nella caduta di quella roccia, quindi fai attenzione.

4. Kangchejunga

Con un’impressionante altezza di 8586 metri, e situato al confine tra India e Nepal, Kangchejunga è un’altra sfida da non sottovalutare.

Primo, perché il suo tasso di mortalità è superiore al 20%. Solo 200 alpinisti sono riusciti a raggiungere la vetta, il resto è caduto vittima di valanghe, ipotermia o congelamento.

Secondo, perché la collina diventa più verticale man mano che si sale. È vero che tutte le montagne diventano molto impegnative ad ogni passo che fai. Ma Kangchejunga è su un altro livello.

Il suo freddo estremo la fa vedere come una montagna assassina. Se decidi di scalarlo, porta con te una giacca da sci e pantaloni da sci.

5. Monte Cervino

A 4478 metri e situata in Svizzera, questa montagna ha causato più di 500 morti da quando gli alpinisti hanno osato scalarla per la prima volta nel 1865.

Sì, ha uno dei tassi di mortalità più alti delle Alpi. Non solo perché scalarla è una vera sfida e qualsiasi difficoltà tecnica si paga con la vita, ma anche perché è diventata molto popolare nel corso degli anni.

La sua popolarità ha portato sempre più persone a visitarlo, per cercare di scalarlo, e questo sovraffollamento ha portato alle valanghe.

Se ti ritieni idoneo a scalarlo, porta con te l’attrezzatura da alpinismo. Matterhorn ha delle pareti verticali difficili e vorrai approfittare di tutti gli strumenti utili che possono aiutarti.

6. Cerro Torre

Situato al confine tra Argentina e Cile e con un’altezza di 3128 metri, la bellezza del Cerro Torre ha affascinato molti alpinisti.

Rispetto al resto, è il più piccolo della lista. O meglio, è il meno alto della lista. Ma ricorda comunque di non sottovalutare una montagna per le sue dimensioni.

Cerro Torre ha salite verticali molto ripide, un denso strato di neve e forti venti che confondono anche i migliori. Sottovalutare i suoi venti è un errore che non puoi permetterti.

Qui dovrai arrampicarti molto. Quindi, per prepararti, porta una corda da arrampicata (la prevenzione delle cadute non fa male), scarpe da arrampicata (più stabilità per camminare sulla neve) e un casco da arrampicata (ti aiuta a superare quei venti).

7. Fitz Roy

Il monte Fitz Roy, conosciuto anche come Cerro Chalten, è la montagna più alta del Parco Nazionale Los Glaciares e misura 3359 metri.

Il suo terreno è pieno di rocce ripide, che ovviamente rendono difficile camminare lungo i suoi sentieri, e rendono anche difficile arrampicarsi su pareti o zone molto verticali.

Per di più, si trova in una regione desolata afflitta da un tempo imprevedibile. Se ti fai male, ci vorrà del tempo per portarti in ospedale.

Pochi sono arrivati in cima. Infatti, in media, solo 1 persona all’anno arriva in cima.

Per decenni è stato considerato il più difficile. Anche se questo non è vero, non è lontano dalla realtà.

8. Baintha Brakk

Comunemente conosciuto come »L’Orco», si trova in Pakistan, è a 7285 metri, e penso che il nome dica tutto.

Nonostante i numerosi tentativi, è stato conquistato solo tre volte e alcuni dei suoi »conquistatori» non sono rimasti illesi dopo aver raggiunto la cima.

Baintha Brakk non è solo alto, ma anche molto largo e ripido. La sua scala ti farà sentire piccolo e dovrai scalare molte pareti verticali per raggiungere la cima.

Il suo clima è anche eccezionalmente freddo. Quindi, in questa occasione più che mai, indossa un cappotto invernale e stivali invernali.

9. Monte Everest

Da non perdere. Il picco più alto del mondo, con 8848 metri, e situato al confine tra Nepal e Tibet.

Forse ti aspettavi che l’Everest fosse il più difficile. Di nuovo, un’altra prova che difficoltà e altezza non vanno di pari passo. Ma non fare errori, perché l’Everest è uno dei più difficili.

L’Everest è particolarmente soggetto alle valanghe. Il suo tempo freddo e imprevedibile può sorprenderti nel bel mezzo della tua scalata e metterti in una situazione pericolosa.

Inoltre, respirare a un’altitudine così elevata, e con una tempesta di neve che travolge i tuoi sensi, è quasi impossibile.

Al giorno d’oggi è diventato molto popolare e visitato, e anche se il suo campo base è ben attrezzato, un gruppo di novizi può rallentarti.

Quindi, se hai il coraggio di scalare la montagna più alta del mondo, ti consiglio di farlo da solo.

10. Monte Bianco

È relativamente meno impegnativo degli altri. Misura 4808 metri e richiede solo 2 giorni per essere completato.

Ma questo non significa che sia facile. Situato al confine tra Italia e Francia, il Monte Bianco uccide circa 100 persone all’anno, perché è soggetto a molte cadute di massi.

Questo la rende la montagna più mortale di tutta l’Europa. Eppure, è anche il più visitato dai turisti e dai novizi.

Ma ti consiglio di non seguire il gruppo. Se sei un esperto, andare per conto tuo sarà molto meglio.

11. Nanga Parbat

Questo, situato nel nord del Pakistan, è un vero mostro. Misura 8125 metri, la sua altitudine è la quarta più alta del mondo, è stata conquistata solo una volta e nel 1953, dopo aver causato 62 morti.

Lo chiamano il »mangiatore di uomini» (man eater in lingua originale). E non c’è da meravigliarsi. Ha tempeste estreme, è coperto di neve densa, il suo terreno è molto scivoloso e le sue valanghe possono spazzare via diverse persone in una sola passata.

Non mi credi? Nel 1934, 16 scout tedeschi furono spazzati via da una valanga. Sì, 16 e in una sola passata. Immagina la forza che deve avere.

Molti sono morti, ma ci sono anche casi di persone che sono scomparse in esso. I casi più recenti sono accaduti nel 2013, e non si trattava di 1 solo scalatore, ma di diversi casi.

Non lo chiamano mangiatore di uomini per niente. Se ci vai, sii consapevole del rischio.

12. K2

Si trova tra la Cina e il Pakistan, e con 8611 metri di altitudine, è sicuramente uno dei più difficili da scalare, poiché completarlo è una vera sfida.

È il secondo più alto, ha un tasso di mortalità del 19,7% e soffre di molte valanghe e venti estremi. Per non parlare del fatto che respirare a un’altitudine così elevata è quasi impossibile.

A causa di ciò, molti optano per una scorciatoia che ha, chiamata »Bottleneck». Ma questo è molto instabile e per attraversarlo dovrai passare attraverso un pavimento pieno di ghiaccio glaciale e seracchi.

13 morti su 14 avvengono su questa scorciatoia. Pertanto, non c’è un modo semplice. Pensaci bene prima di provare a scalarlo.

13. Annapurna

Ultimo ma non meno importante, si trova in Nepal ed è considerato da molti la montagna più pericolosa del mondo. E non c’è da meravigliarsi.

Con 8091 metri, l’Annapurna è soggetta a valanghe e terribili tempeste di neve. La sua parete sud è considerata la salita più pericolosa che esista e il suo nome porta il più alto tasso di mortalità di qualsiasi montagna.

191 Le persone hanno tentato di scalarlo, ma 63 di loro sono morte nel processo. E vale la pena notare che, nel 2014, 43 persone sono morte dopo una valanga causata da una tempesta di neve.

Annapurna non è un gioco. Se hai il coraggio di scalarlo, sii abbastanza preparato.

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *

Ir arriba