19 I migliori luoghi da visitare in Occitania, Francia

La regione dell’Occitania nel sud-ovest della Francia vanta una pletora di villaggi di carattere e una straordinaria architettura medievale sulle pendici dei Pirenei innevati. Creata nel 2016 dall’unione di due regioni più piccole ma ben note, Langeudoc-Roussillon e Midi-Pirenei, l’Occitania ha molto da offrire anche ai più avventurosi.

Sia che vogliate esplorare magici castelli Disney, concedervi i migliori vini e la migliore cucina francese, scoprire la cultura pittoresca dei tradizionali villaggi di pescatori francesi o fare escursioni nelle più selvagge distese dei Pirenei, l’Occitania ha tutto ciò che serve.

19.Narbonne

Situata lungo il lucente Canal de la Robine, Narbonne non è affatto turistica, ma con le sue strade alberate di ciottoli, l’architettura suggestiva, l’enogastronomia decadente e le spiagge panoramiche, potrebbe esserlo facilmente. Infatti, troverete alcune delle spiagge più tranquille del Mediterraneo a breve distanza in auto.

La cattedrale gotica di Saint-Just et Saint-Pasteur, che domina la città, è il punto di riferimento perfetto per navigare tra le strade della città, ma è insolita di per sé – la costruzione è iniziata nel 1272 ma non è mai stata completata.Date un’occhiata all’esterno incompleto ma ancora stravagante e alle bellissime vetrate interne.

Altre attrazioni degne di nota sono il Palazzo Arcivescovile con i suoi musei di archeologia e d’arte e i bellissimi giardini.Esplorate i sotterranei della città all’Horreum, fate un salto sulla spiaggia di Narbonne Plage e fate un salto al mercato di Les Halles con vino e formaggio – non ve ne pentirete.

18.Lourdes

Lourdes è una pittoresca cittadina nascosta ai piedi dei Pirenei, nel sud-ovest della Francia. È un importante luogo di pellegrinaggio cattolico dal 1858, quando una giovane donna di nome Bernadette Soubirous dichiarò di essere stata visitata dalla Vergine Maria 18 volte.

È solo allora che il primo porto di scalo dovrebbe essere il Santuario di Nostra Signora di Lourdes, il luogo di pellegrinaggio accanto alla Basilica.

Non potete perdervi la fortezza di Lourdes che domina l’orizzonte alla periferia della città. Altre attrazioni popolari sono la prigione di Le Cachot, la Basilica del Rosario bizantino, il Museo della Guarigione Miracolosa, il Museo delle Cere e il vicino Parco Nazionale dei Pirenei.

17.Perpignan

Perpignan offre una tranquilla fuga dalla città vicino al Mediterraneo. La piccola città ha un bellissimo centro storico e alcuni eccellenti caffè e caffetterie.

Il Palazzo dei Re di Maiorca è il fiore all’occhiello della città.Questa fortezza è stata costruita nel XIII secolo, e anche se il suo esterno gotico-romanico può sembrare poco convincente, è il notevole interno di influenza catalana che vorrete vedere.

Passeggiate per i vicoli tortuosi, prendete un dolce al mercato di Halles Vauban, visitate l’antica porta della città di mattoni rossi di Le Castillet e scoprite le pittoresche chiese della città vecchia, in particolare la Cattedrale di Saint-Jean.

16.Bouzigues

Come molti dei villaggi e delle città francesi sottovalutati, Bouzigues non è sovrastata da attrazioni turistiche.Incastonata tra la laguna di Etang de Thau con le sue magnifiche ostriche e i vigneti che abbracciano la collina, il centro è grazioso, e la piccola spiaggia punteggiata di barche da pesca è come una scena della storia.

Bouzigues ha una meravigliosa cultura di caffè, e mentre è stata una zona di produzione di vino popolare fin dal 6 ° secolo, la sua più nota per le ostriche e le cozze. Queste industrie hanno preso piede solo nel XVIII secolo, ma probabilmente risalgono a quando i pescatori locali abitavano le grotte lungo la costa.

Scoprite le industrie locali di pesca, ostriche e mitilicoltura al Museo Etang de Thau, o i primi tempi di Bouzigues al Parco dei Dinosauri e al Museo di Storia Preistorica.

15. Canal du Midi

Il Canal du Midi (Canale dei due mari) si snoda tra il Mediterraneo e l’Atlantico da oltre 350 anni, scorre da Tolosa fino al bacino dell’Etang de Thau, il secondo lago più grande della Francia.

Ma è il viaggio che conta davvero qui; è pieno di natura, cultura e gastronomia, si può esplorare tutto a piedi, in bicicletta o in barca, ma è quest’ultima la vera chicca! Inoltre, non c’è bisogno di una patente nautica per farlo.

Passate davanti a villaggi idilliaci lungo i canali, vigneti, meleti e campi di girasoli e attraversate le chiuse storiche – Beziers ha uno dei sistemi di chiuse più impressionanti del mondo.Non perdetevi il villaggio di pietra di Le Somail con i suoi bar e le librerie, i vivaci mercati di Narbonne e la città medievale di Carcassonne.

14.Lagrasse

Lagrasse è ufficialmente annoverato tra i più bei villaggi di Francia, e presto ne capirete il motivo.Situato ai piedi dei Pirenei, nella regione vinicola di Corbieres, è circondato da edifici in pietra pittoreschi e dal fiume Orbieu.

Risalente al VII secolo, il villaggio fu costruito intorno all’abbazia di Sainte-Marie, e oggi si possono vedere i resti delle antiche mura della città. L’abbazia, con la sua chiesa romanica e il campanile ottagonale, è il punto culminante del villaggio, ma ci sono anche due ponti interessanti da vedere – in particolare il ponte gobbo che attraversa l’Orbieu!

Poiché Corbieres è la più grande regione vinicola della Francia, qui si può bere e mangiare. Non perdetevi le pittoresche fiere del libro e della ceramica che si tengono in estate.

13.Ponte di Millau

Il viadotto di Millau è un ponte stradale che attraversa la valle del Tarn, nel sud della Francia, progettato da un architetto inglese e da un ingegnere francese e inaugurato nel 2004, è il ponte per veicoli più alto del mondo – più alto della Torre Eiffel!

È anche uno dei ponti sospesi più lunghi del mondo, ma tocca il suolo solo in nove punti. Il modo migliore per vederlo è parcheggiare il proprio veicolo e salire a piedi fino a un punto panoramico sopra il ponte, oppure ammirare il panorama da Peyre e Millau.Se vi sentite avventurosi, potete remare sotto di esso in canoa o anche planare sopra di esso.», ‘

12.Spiaggia di Espiguette

La spiaggia di Espiguette è un lungo e selvaggio tratto di spiaggia sabbiosa lungo la costa francese della Linguadoca. Anche in piena estate troverete sicuramente un posto per voi stessi.

Oltre a prendere il sole, fare surf, costruire castelli di sabbia e nuotare, l’attrazione principale è il faro e i bastioni della fortezza all’estremità della spiaggia. Anche se ci sono alcuni ristoranti nelle vicinanze, preparare un picnic è il modo migliore per trascorrere una giornata all’Espiguette Beach.

11.Beziers

Una delle città più antiche di Francia, Beziers è una città fiabesca. Nascosta lungo la segreta Costa Azzurra, una zona che non è ancora stata invasa dai turisti, Beziers offre la quintessenza dell’esperienza francese.

Risalente al 575 a.C., la città ha una posizione desiderabile. Circondata su tre lati dal fiume Orb e da un canale, è fotogenica come una città vecchia. Come la capitale del vino della Languedoc, è conosciuta per il suo vino rosso e la corrida. Visitate la città durante il festival della Feria in agosto e combinerete il meglio di entrambi!

Esplorate la splendida città vecchia con il tetto arrugginito, che ospita la Cattedrale romanica Saint-Nazaire del XIII secolo e il Museo delle Belle Arti con le sue affascinanti opere d’arte. Il glorioso Canal du Mid si trova nelle vicinanze; Beziers è stata infatti la città natale di Riquet, l’uomo che l’ha costruita.

10.Albi

Albi è una città sul fiume Tarn nel sud della Francia. Risalente all’epoca preromana, è famosa soprattutto per la cattedrale di Sainte-Cecile di Albi, risalente al XIII secolo, che era la più grande struttura in mattoni del mondo quando fu costruita e vanta alcuni impressionanti affreschi interni, tra cui uno chiamato «Giudizio Universale».

Esplorate il labirintico centro storico, con le sue stradine prive di traffico, gli edifici in mattoni rossi, i caffè stravaganti e i mercati regolari, e non perdetevi i giardini del Palazzo Berbie e il ponte medievale del Pont Vieux.

Se siete interessati all’arte, visitate il Museo di Toulouse-Lautrec dedicato a Henri de Toulouse-Lautrec, famoso pittore nato ad Albi nel 1864 che dipinse la Parigi di fine secolo nel suo stile unico.

9. Uzes

Un tempo importante centro commerciale per la seta, il lino e la liquirizia, Uzes è una città dai bellissimi contrasti, con case medievali in pietra e architettura rinascimentale accanto a moderne case a schiera.

Tra i luoghi di maggiore interesse vi sono il Palazzo Ducale costruito su un antico accampamento romano, la Cattedrale di Saint Theodorit e un museo dedicato ai dolci Haribo. Salite sulla Torre Finestra per godere di viste sensazionali e passeggiate nel tranquillo Giardino Medievale.

La piazza acciottolata e fontana di Place aux Herbes costituisce il cuore della città, circondata da deliziosi caffè, è anche sede di due mercati contadini settimanali il mercoledì e il sabato.’, ‘

8.Cevennes

Ci sono pochi posti così belli come le Cévennes.Piena di colline boscose, villaggi remoti, oliveti, vecchi mulini da seta e vigneti, è una delle zone più selvagge e remote della Francia – e in gran parte non sfruttata dai turisti.

Scoprite la storia di 4000 anni fa in un luogo costruito per le escursioni e la meditazione. I supermercati e l’accoglienza in cella sono pochi e lontani tra loro, ma questo fa parte del suo fascino.Robert Louis Stevenson ha scritto della zona in «Viaggi con un asino», e potete seguire il suo percorso da soli – asino incluso.

Ci sono diversi piccoli villaggi che vale la pena visitare nelle Cévennes, tra cui il fortificato La-Garde-Guerin e l’attraente villaggio di Le Pont-de-Montvert. Gli escursionisti esperti hanno la possibilità di scegliere tra diversi percorsi escursionistici, ma è possibile scalare il Mont Aigoual e la maggior parte del Mont Lozere, il punto più alto della regione, facilmente in auto.

7.Montpellier

Montpellier è una città vivace e spesso trascurata, ma con la sua incredibile architettura e il suo fascino antico, vale sicuramente una visita.

La più notevole è la cattedrale gotica di Saint-Pierre, risalente al XIII secolo, con i suoi drammatici pilastri gemelli e la Porte du Peyrou (Arco di Trionfo).

Perdersi tra le stradine del centro storico, osservare la gente lungo l’Esplanade Charles de Gaulle, farsi un’idea della cultura al Museo della Fabre e orientarsi in Place de la Comedie – la piazza centrale di Montpellier.Non perdetevi il mercato domenicale nella Piazza Reale di Peyrou!

6. St-Guilhem-le-Desert

Nascosto nella remota valle del Gellone, il deserto di St-Guilhem-le-Désert ha più di mille anni.con umili origini che risalgono al IX secolo, quando nelle Gole di Herault fu costruita un’abbazia, è stato un importante luogo di pellegrinaggio per quasi tutto il tempo.

Tra le meraviglie architettoniche, l’Abbazia di Gellone con la sua arte romanica, la Maison Lorimi e Sandonato con i loro imponenti archi in pietra.

Il Tour des Prisons del XII secolo e lo Chateau du Geant in cima alla scogliera sono esempi sorprendenti delle fortificazioni originali del villaggio.L’escursione alla vicina grotta di Clamouse, dove si trovano alcune delle più belle concentrazioni di cristalli d’Europa, è altamente raccomandata!

5. Pont du Gard

Una delle attrazioni più riconoscibili della Francia, il Pont du Gard è un antico acquedotto romano risalente al I secolo d.C.. Fu costruito per trasportare l’acqua alla colonia romana di Nemaususus (Nimes) e si erge in posizione prominente sul fiume Gardon vicino alla città di Vers-Pont-du-Gard.

Il Pont du Gard è il ponte dell’acquedotto romano più alto del mondo ed è un’impressionante impresa di ingegneria romana per la sua epoca. Dopo essere stato un acquedotto fino al VI secolo, un casello che attraversava il Medioevo e un ponte stradale tra il XVIII e il XX secolo, oggi ospita un museo con visite guidate.

Diversi sentieri conducono su e intorno al ponte, e la riva del fiume è un luogo molto frequentato per un picnic e un bagno nei mesi estivi.’, ‘Non perdetevi gli incredibili spettacoli di luce sulla Pasqua e sul fiume Rendez-Vous in estate.

4.Tolosa

Deliziosamente soprannominata «La città rosa», Tolosa, con i suoi edifici in terracotta, è la capitale della regione dell’Occitania meridionale francese, divisa in due dal fiume Garonna, le innumerevoli chiese, i musei e i giardini della città implorano di essere esplorati a piedi, in bicicletta o in auto.

Famoso per essere il quartier generale degli studi spaziali europei, il centro scientifico Cité de l’Espace di Tolosa è un luogo affascinante da visitare: la Basilica di Saint Sernin, il Museo Augustins, il Museo di Storia Naturale e il Pont Neuf, il ponte più antico della città.

People-watch al Capitole de Toulouse, esplorate i Giardini giapponesi, ammirate l’insolita volta a forma di palma del Convento dei Giacobini e assistete a uno spettacolo al Theatre du Capitole.

3. Nimes

Un tempo importante avamposto dell’Impero Romano, Nimes è ricca di monumenti splendidamente conservati, tra cui l’Arena di Nimes – un antico anfiteatro ancora oggi utilizzato per concerti e corride.

Il ponte a tre livelli del Pont du Gard è la principale rivendicazione di Nime, costruito in epoca romana per trasportare l’acqua verso la città. Altre attrazioni sono il tempio della Maison Carree, la Cattedrale di Nimes, il mercato di Les Halles e il Jardin de La Fontaine.

È interessante notare che il nome di Nimes ha ispirato la parola «denim», e questo tessuto è stato prodotto qui fin dal Medioevo. 2. Parco Nazionale dei Pirenei

Il Parco Nazionale dei Pirenei, che si estende oltre il confine montuoso con la Spagna, si estende su sei valli, dalle Hautes-Pyrenees alle Atlanticherie dei Pirenei. Questa regione selvaggia e meravigliosa ospita le cime più alte dei Pirenei francesi e centinaia di laghi alpini che chiedono solo di essere esplorati.

Boschi fitti, iris dei Pirenei viola e rododendri si insinuano lungo i pendii innevati lungo i sentieri panoramici. Il parco può essere visitato tutto l’anno sulla ferrovia dei trenini o a piedi – per attività all’aperto in estate, feste in autunno, sport sulla neve in inverno e fiori in primavera.

Oltre 2.500 specie di piante chiamano il parco casa, accanto ad alcuni affascinanti animali selvatici, tra cui l’aquila reale, il grifone, l’orso e il camoscio dei Pirenei. Tenete d’occhio il desman dei Pirenei, una creatura simile a una talpa che si trova solo qui.

1.Carcassonne Where to Stay

La storica Carcassonne è una città medievale in cima a una collina, così ben conservata che vi sembrerà di aver viaggiato indietro nel tempo, risalente all’epoca gallo-romana, è piena di fortezze medievali, musei, misteri e leggende.

Con i suoi affascinanti edifici in pietra, i passaggi spesso deserti e le mura a forma di castello sul Canal du Midi, il centro storico potrebbe facilmente essere stato ispirato da Disney. Carcassonne era famosa per la sua partecipazione alle crociate albigesi quando era una roccaforte dei catari occitani.

Ammirate la Basilica romanico-gotica dei Santi Nazario e Celso, la Cité de Carcassonne, lo Chateau Comtal e l’ultima porta giacobina sopravvissuta.

Ir arriba