I posti migliori per acquistare a Palermo

Modern Palermo ha un sacco di opportunità per gli acquirenti avidi. Dopotutto è l’Italia: Aspettatevi marchi di Sisley e Stefanel a H & AMP; M, Zara, Mango, Louis Vuitton ed Hermes. Ma quando lo shopping a Palermo, paga anche a tuffarti nei suoi vivaci mercati, che sono stati influenzati dal passato musulmano della città.

aree chiave

Se si desidera acquistare PUPI (BUBPEETS), Direzione per Corso Vittorio Emanuele dove si trovano diversi workshop. Designer Gear può essere trovato lungo la Smart Via Libertà, che è fiancheggiata da etichette italiane ed europee come Cartier, Dolce & amp; Gabbana, Hermés, Prada, Furla e Louis Vuitton. Gli amanti dell’Antico e delle Arti dovrebbero dirigiti verso Corso Alberto Amedeo, mentre le migliori ceramiche si trovano in Via Nicolò Gallo, Via Daita e Via Isidoro La Lumia.

Mercati

Immergiti nel Il meglio dell’atmosfera della città al mercato di Vucciria, tra Via Roma e Corso Vittorio Emanuele. Assicurati di arrivare lì presto la mattina per vedere il mercato nella sua più vivace. Aperto dal lunedì al sabato dall’alba fino al 1400, vende tutti i tipi di merci da frutti di mare freschi a souvenir e artigianato locale. Altri buoni mercati includono Borgo Vecchio, che rimane aperto fino alla serata; Il mercato Piazza Peranni per gli oggetti d’antiquariato; E Ballaro per coloro che amano il cibo di strada.

Centri commerciali

Forum Palermo, Via Filippo Pecoraino, è il più grande centro commerciale di Palermo con 120 negozi, ristoranti, caffè e un cinema. La Rinascente, Via Roma, 289, ospita una serie di eccellenti negozi indipendenti.

Orari di apertura

La maggior parte dei negozi si aprirà alle 09:30 e chiudi per il pranzo a circa 1330. Riaprire Di nuovo al 1600 fino a circa 2000. I negozi più grandi rimangono aperti per tutto il giorno.

Souvenirs

Burattini, ceramiche dipinte e rame e tormentali acquistati lungo l’antico via Calderai fanno tutti gli eccellenti ricordi.

Informazioni fiscali

L’imposta sul valore aggiunto è del 22%. I viaggiatori dall’esterno dell’UE possono rivendicare la tassa sulle vendite sugli acquisti superiori a € 155 se hanno acquistato dai negozi che mostrano il segno di shopping “Free Free”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su